Pambianchi: “Poche parole, solo lavoro. Tocca a noi reagire!”

Pubblicato in Qui falchetti il 05 dicembre 2021

Il difensore Francesco Pambianchi così in sala stampa: “Non mi voglio appellare agli episodi perché bisogna assumersi le proprie responsabilità, ed anche oggi abbiamo commesso degli errori che vanno analizzati. Il nostro spirito è sempre lo stesso, ma chiaramente oggi come a Marigliano non abbiamo reso come dovevamo”.

“Il primo gol del Brindisi? Io sono andato lì per chiudere e lui ha messo la testa e poi l’ha presa con la mano. Altrimenti la palla sarebbe andata in altra direzione. Ma il calcio è questo. Dopo il colpo del vantaggio avversario avevamo provato a riordinare le idee. Siamo rientrati ed abbiamo avuto l’occasione per il pari. Se entrava quella palla sappiamo tutti che gara sarebbe stata diversa. Invece ci siamo trovati un uomo in meno e tutto si è complicato”.

“Ci impegniamo, lavoriamo tanto. Non siamo una squadra di sfaticati. Se ci fosse qualcosa che non va lo direi. Ma non è così. Questo è un gruppo che si allena sempre al massimo e che è cosciente di quanto sia importante per questa città arrivare all’obiettivo. Non sono certo sceso in serie D per perdere”

“In questi casi è meglio pensare solo a lavorare che a parlare. Sei la Casertana, perdi in casa contro l’ultima in classifica. Cosa vuoi dire? Il Brindisi ha meritato. Arrivava prima di noi sulla palla. Abbiamo poco da recriminare. Ora dobbiamo pensare al prossimo appuntamento. Dobbiamo andare a Francavilla con l’obiettivo di fare risultato pieno. Non può essere diversamente. Abbiamo tutto per stare bene, non ci manca niente. La società ci è vicina e siamo un gruppo forte e compatto. Dobbiamo cercare di fare andare le cose per il verso giusto. Tocca a noi! Dipende tutto solo da noi”.