D’Agostino: “Rinnovo meritato in pieno. Futuro? Non amo fare la comparsa, il nuovo stadio darà la spinta decisiva…”

Pubblicato in Qui falchetti il 25 marzo 2021

Ha voluto fortemente dare seguito al cammino intrapreso la scorsa estate. Il presidente Giuseppe D’Agostino non nasconde la sua soddisfazione e coglie l’occasione per fare il punto della situazione: “Abbiamo sottoscritto un contratto biennale, frutto di una decisione presa già tempo fa. E’ stata una pura formalità. Abbiamo aspettato che la squadra si tirasse fuori da quella che era una situazione delicata. Rinnovo meritato in pieno. Sia per i risultati che per la professionalità messa a disposizione della Casertana. C’ha dato tanto. Sono molto contento che resti almeno altri due anni, poi chissà”.

“Il prossimo anno dovrebbe essere quello rinascita. Con la speranza di lasciarci alle spalle questa maledetta pandemia e con l’inizio dei lavori del nuovo stadio. E’ giusto fare questo percorso con un allenatore che stimo, sia come persona che come professionista. Non confermarlo sarebbe stato un passo indietro. Stiamo lavorando seguendo una percorso ben definito. Siamo l’unica squadra che schiera ben 4 calciatori cresciuti nel proprio settore giovanile. E domenica stava per esordire anche un 2003 come De Vivo. Bisogna riconoscere questo piccolo merito alla società. Non è una questione di minutaggio o altro. Ma di vero e proprio orgoglio”

“Vogliamo sicuramente migliorarci. Un campionato in cui partire meglio rispetto a quest’anno. Siamo già al lavoro in prospettiva futura e questo sarà un vantaggio. Ad oggi ho la convinzione che in estate partiranno i lavori per il nuovo stadio. Obiettivi futuri? Fare ancora due, tre o dieci campionati di Lega Pro tra i comuni mortali non mi interessa. Ho sempre detto che se non parte lo stadio, vado via. Perché ritengo che, in questa ottica, le strutture siano fondamentali. Fare la comparsa non mi piace. Sono uno ambizioso. Per bacino d’utenza, è vero, la C ci sta stretta. Dobbiamo far sì che questo salto avvenga. E le strutture sono il primo tassello imprescindibile. Lo stadio sarà la spinta per portarci in alto. Con una programmazione importante che sto cercando di improntare, credo che in breve tempo potremo avere i primi frutti”.