Bollino: “So cosa posso dare. Alla lunga verrà fuori il valore di tutta la Casertana”

Pubblicato in Qui falchetti il 20 novembre 2022

Il gol mancava ancora all’appello, Mauro Bollino ha voluto metterne a segno due a suggellare una prestazione d’applausi: “Siamo su questa strada da quando è arrivato il mister. Siamo arrivati sette o otto volte a porta ogni partita, mi sarei preoccupato qualora questo non fosse accaduto. Era necessario solo sbloccarci. Questa è una piazza tanto bella quanto difficile. Ma tutti noi abbiamo gli attributi per essere qui. Dobbiamo continuare su questa strada! Ho visto gente che era in panchina correre cinquanta metri per venire ad abbracciare chi aveva segnato. Dobbiamo essere così. E’ bello. Così si vincono i campionati”.

“Con questo modulo è ideale per me giocare alle spalle della punta. Ci siamo confrontati col mister e ho confermato che era un ruolo che preferivo. In settimana lavoriamo tanto, dentro e fuori dal campo. La domenica è il frutto di quanto facciamo ogni giorno. Dobbiamo lavorare uniti e con la stessa mentalità. Con una squadra così forte e con carattere, dobbiamo soltanto continuare così e rosicchiare partita dopo partita punti rispetto a chi ci precede”.

L’esultanza? Non segnavo da dodici giornate e mi sono scrollato di dosso tutto. So cosa possa dare. Sul mio cammino fin qui avevano pesato diversi fattori. In ritiro l’infortunio sicuramente ha rallentato tutto; ho giocato alcune partite prima con febbre e poi con uno stiramento. Non voglio fare l’eroe, ma ho sempre giocato con un acciacco. So che alla lunga i valori vengono fuori e verrà fuori anche il mio insieme a quello di tutto la Casertana”.

“In queste tre settimane abbiamo lavorato tanto e bene. Giusto che si guardi al risultato, ma le prestazioni erano chiare. Era mancata la vittoria. Abbiamo fatto la stessa partita anche oggi, solo che abbiamo buttato dentro cinque delle palle gol create”.